Accademia della Musica: la nostra replica.

In merito alle ultime dichiarazioni, rilasciate a mezzo stampa, relative al nostro articolo sull’Accademia Musicale, riteniamo opportuno ricostruire quanto accaduto in questi giorni per trarne alcune conclusioni.

Tramite il post oggetto di volantinaggio e in qualità di Associazione autogestita e autofinanziata, abbiamo essenzialmente voluto evidenziare come, secondo il nostro gruppo, un’investimento pari a 530.000 euro + iva risulti oggettivamente eccessivo considerato il momento storico in atto. Questa rilevazione, per di più, è stata fatta premettendo il pregevole operato dell’Accademia, al pari sia chiaro di altre Associazioni, e proponendo in fase di conclusione delle alternative per un reimpiego della somma.

A fronte di questa presa di posizione, che possiamo anche capire non faccia piacere agli amministratori in quanto ne si vìola l’intimità interna, in rapida successione è capitato che:

  • Ci è stato revocato il patrocinio comunale per l’evento sulla mafia, quando al contrario sarebbe stato il caso di collaborare pubblicizzando a gran voce, nelle scuole e negli Istituti, un evento di interesse generale. Piccolo gesto non per noi che lo portiamo alla luce, ma per l’esemplare impegno civico che dei ragazzi di vent’anni stanno gratuitamente dimostrando mettendo anche a repentaglio la propria incolumità;
  • Siamo stati accusati di celare un movimento politico dietro ad un’Associazione Culturale Identitaria, quando abbiamo solo espresso una constatazione amministrativa sull’impiego di denaro pubblico e quindi anche dei nostri associati. Se poi il problema è ideologico, bè allora ci mancherebbe che quest’Associazione non si impegni ad elaborare le proprie idee visto la pochezza di esse nel Paese;
  • Abbiamo dovuto sorbirci il rimprovero, del tutto immotivato ed ingiustificato, di aver utilizzato strumentalmente la memoria di una persona per fini argomentativi, riconducendo vilmente e mestamente alla nostra Associazione dei commenti anonimi fatti sul web.

Non male come dispiegamento di forze, peccato però che nessuno fino ad ora abbia mai cercato di spiegare il perchè di tale ingente investimento se non riconducendolo a quello di dare una casa, pur legittima, all’Accademia, ma che somiglia più ad una reggia. Peccato che si sia sempre cercato di deviare il focus del discorso citando argomentazioni da noi nemmeno menzionate, dimostrando un modo di fare intellettualmente non corretto e comunicativamente disinformante.

Nonostante questo siamo comunque qua a ribadire che non era in discussione l’oggetto dell’investimento in sè, ma la quantità spropositata dell’investimento visto la situazione reale del Paese. Continuiamo a credere che il denaro o almeno una sua grossa parte, poteva essere utilizzata per altri fini: il sociale, con ad esempio l’erogazione di corsi di formazione per la riconversione delle competenze di coloro che sono stati espulsi dal mercato del lavoro, oppure i trasporti,con progetti mirati per permettere agli anziani di potersi spostare più agevolmente da un luogo all’altro, o in alternativa i restauri, per migliorare le infrastrutture scolastiche con ristrutturazioni e messe in sicurezza di edifici oramai obsoleti.

Mettiamola così: se ci siamo sbagliati è perchè non abbiamo colto che essendoci a disposizione 600 mila euro, per una lodevole Accademia della Musica, allora sicuramente vuol dire che ce ne saranno altri 300 per agevolare le attività delle associazioni sportive –zona ex Piscine-, altri 250 per riqualificare la zona Castello e via Zanardelli, e soprattutto altri 600 mila per sistemare le strutture scolastiche.

2 pensieri riguardo “Accademia della Musica: la nostra replica.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...